Sospensione Canone Rai

0
278
Il canone. Ritorna l’incubo canone Rai per la gran parte dei cittadini italiani. La dichiarazione di non possesso del televisore infatti, determinante per non farsi addebitare la tassa Rai sulla bolletta della luce, dovrà essere rinnovata entro il 30 giugno 2017. Per non pagare il semestre luglio-dicembre 2017 bisognerà riproporre una nuova certificazione, evitando inutili e dispendiose corse contro il tempo per richiedere il rimborso. Se invece si hanno i requisiti per essere esonerati per i successivi 12 mesi, cioè per l’intero anno 2018, l’“autocertificazione” va spedita non nelle prossime settimane, ma tra l’1 luglio 2017 e il 31 gennaio 2018.

La modulistica. Moduli ed informazioni – I moduli per la dichiarazione di non possesso si possono scaricare, ad esempio, dal sito dell’Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it) e dal portale Rai dedicato al canone (www.canone.rai.it), dove si trovano anche risposte ai quesiti più diffusi e i numeri di telefono da contattare per chiedere a voce informazioni e istruzioni. Analogo servizio è garantito dalle associazioni di consumatori, per telefono, per email e agli sportelli tradizionali. Per autocertificare il non possesso dell’apparecchio tv – sia da parte dell’intestatario della fornitura di energia elettrica residenziale, sia da parte di un altro componente della stessa famiglia anagrafica – va compilato il quadro A del modello standard.

L’iter. Presentare la richiesta – La dichiarazione sostitutiva può essere presentata in diversi modi:
– direttamente dal contribuente, o dall’erede di un utente defunto, mediante una specifica applicazione web disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel rilasciate dalla stessa Agenzia;
– avvalendosi di un intermediario abilitato, cioè di un commercialista, un ragioniere o un caf;
– con la posta tradizionale, con un plico raccomandato senza busta indirizzato a Agenzia delle Entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 – 10121 Torino. La dichiarazione si considera presentata nella data di spedizione risultante dal timbro postale. Affinché sia valida, però, occorre allegare una copia di un documento di riconoscimento in corso di validità;
– per posta elettronica certificata, purché la dichiarazione sia sottoscritta mediante firma digitale. L’indirizzo da utilizzare è cp22.sat@postacertificata.rai.it.

Views All Time
Views All Time
117
Views Today
Views Today
1

Commenta l

SHARE
Trentatreenne salernitana, con così tanti sogni nel cassetto che è stato necessario costruire una cabina armadio per contenerli tutti! Si occupa di comunicazione, informazione e formazione. Ha fondato la web agency Ok Comunicare ed è appassionata di letteratura, cinema, fotografia, decoupage. E' giornalista pubblicista e in costante aggiornamento circa le dinamiche evolutive legate ai social network sites.
Loading...